Pikkio Accessori di moda, stile e costume

div id="contBoxDue"

"Get the Flash Player" "to see this gallery."

EPOCA EGIZIANA:

Il principale metallo utilizzato nei tempi antichi fu l'oro. Caratterizzato da un' elevata stabilità ed inalterabilità, deve il suo largo utilizzo alla grande duttilità che consente di ottenere delle lamine sottilissime impiegate nelle arti decorative dei monili; queste ultime infatti venivano tagliate in forme decorative o utilizzate per ricoprire dei nuclei di sabbia per ottenere oggetti tridimensionali, o ancora potevano essere incise o lavorate a sbalzo al fine di creare decori o ornamenti in dolce rilievo.

Quasi contemporaneamente alla tecnica dello sbalzo, si sviluppò anche quella del filo d'oro, consentendo di incorniciare, suddividere, decorare o sostenere gli elementi costitutivi del gioiello. Forme di impiego del filo d'oro divennero ben presto quelle della filigrana e della confezione di catene, cordoncini e maglie.

L'Egitto e le zone confinanti a sud, furono le principali fonti di oro nell'antichità. Utilizzato per adornare le semplici vesti di lino bianco, veniva lavorato raffigurando simboli di cultura sacra o legati alle divinità della natura;

Lo scarabeo, il sole, l'aquila sono alcuni esempi di raffigurazioni ricorrenti per i gioielli di epoca egiziana. Spesso, l'oro era accompagnato dall'uso di pietre naturali quali turchesi, corniole, lapislazzuli oppure da paste vetrose molto più facili da reperire.

Un elemento che contraddistinse la civiltà egiziana, fu l'importanza assunta dai gioielli nei riti funerari; i defunti venivano adornati con i gioielli indossati in vita e gli stessi sarcofaghi erano foderati e ricoperti di oro. Nel corso dei secoli, immense quantità di gioielli vennero sepolti a questo scopo.